Riso D’UOMO Carnaroli 100% in purezza

1 Comment

La scorsa settimana abbiamo dedicato la nostra News Letter all’eccellenza italiana del Riso Carnaroli, ve la vogliamo raccontare:

C’ERA UNA VOLTA E C’È ANCORA… Intorno alla metà del 1300, alla periferia di Milano, in quella che ai tempi era solo una pianura coltivata, sorgeva già la Cascina Basmetto, proprietà del Monastero di San Barnaba. Oltre 700 anni dopo, in quella stessa cascina, ha sede l’Azienda Agricola Basmetto, oggi di proprietà del Signor Papetti Gianpaolo, dove si coltiva ancora il riso nella stessa terra su cui hanno faticato le generazioni precedenti, e dove ancora oggi viene curata direttamente ogni fase della coltivazione:  la nascita, la crescita, la maturazione e il raccolto del riso piantina per piantina, chicco per chicco, in armonia con i ritmi della natura e l’alternarsi delle stagioni. Una meravigliosa realtà che produce RISO CARNAROLI ORIGINALE 100% IN PUREZZA, enfatizzo, perché oggi il Riso Carnaroli, per prendere la dicitura Carnaroli, basta mischiarlo con le sue varietà modificate, ed accade molto ma molto spesso….non nell’Azienda Agricola Basmetto, dove troverete la purezza del Riso Carnaroli anche nel  Semi Integrale e nell’Integrale.

Ma perché si chiama Riso d’Uomo, direte voi? Perché è coltivato dall’Uomo a due passi dal Duomo: con un unico nome hanno voluto esprimere entrambe queste caratteristiche: l’esclusiva zona d’origine del riso e la dimensione umana della loro attività. Superfluo farvi notare la bellezza della confezione: questo riso diventa un oggetto di arredamento per le cucine, anche all’interno della mia credenza con antina in vetro sta meravigliosamente bene. Cosa posso aggiungere: un RISO da regalare, gustare e la scatola da conservare… nulla viene sprecato: “cucina circolare” come direbbe il nostro amico Chef Igles Corelli! 

 

 


One reply on “Riso D’UOMO Carnaroli 100% in purezza

  • MARGHERITA

    Ho provato il Riso d’Uomo semi integrale sabato sera per una cena in giardino. L’ho utilizzato per realizzare un piatto freddo facendo bollire il riso per 15 minuti e preparando a parte il condimento, consistente in totani saltati in padella con melanzane e pomodorini essiccati. Ho aggiunto direttamente nel piatto scaglie di mandorle tostate. Avendo preparato al mattino per la sera, il riso ha assorbito i sapori del condimento, mantenendo comunque le sue caratteristiche non solo di consistenza, ma anche di sapore. I miei ospiti sono rimasti molto soddisfatti, come dire “a bocca aperta!!” Sicuramente il successo dipende anche dalla qualità di questo straordinario riso, che ha trasformato questa pietanza in un vero “piatto gourmet!”
    by Margherita

Leave a Reply